Addio a Emanuele Lomonaco, fu presidente LANARC e dirigente USARCI

4 settembre 2018 Posted by Articoli 0 thoughts on “Addio a Emanuele Lomonaco, fu presidente LANARC e dirigente USARCI”

Il 2 settembre si è spento Emanuele Lomonaco, agente di commercio e sindacalista, che ha ricoperto ruoli apicali alla USARCI, sia a livello nazionale che a livello locale.

Lomonaco fu tra i fondatori della LANARC, l’associazione napoletana degli agenti di commercio, nata nel 1965. Tre anni dopo, nel’68 ne fu componente del consiglio direttivo.

La sua esperienza sindacale a livello nazionale è relativa agli anni a cavallo tra i ’90 e i 2000: dal ’96 al 2003 ricoprì la carica di vicepresidente USARCI e nel 2004 quella di consigliere.

Sempre nel 2004, dimessosi dall’incarico di consigliere nazionale, fu presidente della USARCI-LANARC, espressione napoletana e campana della USARCI. Poi fu presidente della USARCI-LANARC dal 2004 a 2010.

Il ricordo di Lomonaco è affidato ai colleghi, che hanno condiviso con lui molti anni di lavoro e di attività sindacale.

«Emanuele Lomonaco ha speso la vita per la LANARC e l’USARCI – ha ricordato Luciano Falgiano, attuale presidente della USARCI-LANARC -. Chi come me ha avuto l’onore di collaborare con lui non può esimersi dal ricordarlo come una delle figure più attente al benessere degli associati e di tutti coloro che negli anni si sono rivolti al nostro sindacato».

Guglielmo Travaglini, consigliere della USARCI-LANARC, ha ricordato le sue doti umane e i risultati ottenuti in ambito sindacale. «Era una persona disponibile, uno di quelli che sanno ascoltare. Ha sempre creduto nell’associazionismo degli agenti di commercio, e ha sempre spronato i colleghi ad impegnarsi in tal senso. Quando fu vicepresidente della LANARC, la sua fattiva collaborazione con il presidente Rino Padrone e il tesoriere Federico Parlato, ha prodotto una stagione positiva e contrassegnata da traguardi importanti: fu promotore della battaglia contro lo “Star del credere”, soppressa nel 1999 grazie all’impegno del senatore Massimo Villone. Vanno inoltre ricordate le fiere Edilmed e Sifuc tenutesi negli anni alla Mostra d’Oltremare, di cui fu promotore, che hanno fornito grandi opportunità al settore dell’edilizia e della ferramenta nel Mezzogiorno. Emanuele Lomonaco è stato per me una guida professionale e morale».

Enzo Semeraro, consigliere di presidenza della USARCI-LANARC, era con Lomonaco quando fu fondata la USARCI-LANARC. «Oltre all’impegno sindacale che ci accomunava, vorrei ricordare la sua vena artistica. Componeva poesie, amava recitarle, soprattutto quelle di Salvatore Di Giacomo. Amava anche cantare, era un ottimo interprete dei classici della canzone napoletana».

Le esequie di Emanuele Lomonaco si sono tenute il giorno 3 settembre a Napoli presso la chiesa Marechiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.