Agenti e commercianti, 500 euro al mese per il prepensionamento

27 Gennaio 2014 Posted by Articoli, Sindacato 13 thoughts on “Agenti e commercianti, 500 euro al mese per il prepensionamento”

La Legge di Stabilità 2014 ha reintrodotto l’Indennizzo per la cessazione anticipata dell’attività commerciale fino al 31 dicembre 2016. L’indennizzo prevede una somma di circa 500 euro al mese per gli agenti e i commercianti che cesseranno l’attività negli anni 2014-15-16 e che avranno un’età di 62 anni, per gli uomini, e 57 anni per le donne. L’indennizzo sarà corrisposto per il periodo intercorrente dalla cessazione fino alla data della pensione di vecchiaia.

La norma originaria che prevedeva l’indennizzo per il triennio dal 1996 al 1998 è stata più volte prorogata e viene, ora, ripristinata fino al dicembre 2016.

La cessazione dell’attività di agente di commercio potrà consentire di percepire dall’INPS, per il periodo intercorrente dalla chiusura fino alla data della pensione di vecchiaia, una somma di circa 500 euro al mese.

La norma è contenuta nel comma 490 della legge di stabilità 2014, che ha modificato l’articolo 19-ter del decreto legge n.185/2008 convertito in Legge N.2 del 28/1/2009 (decreto anti crisi).

Destinatari del provvedimento sono, oltre ai commercianti, anche gli agenti e rappresentanti di commercio.

Per averne diritto gli agenti devono possedere i seguenti requisiti:

  • Aver compiuto 62 anni se uomo o 57 se donna, al momento della cessazione dell’attività.
  • Essere iscritti alla Gestione Commercianti INPS da almeno 5 anni.
  • L’attività deve essere cessata in maniera definitiva con la cancellazione dal Registro Imprese.

La norma, originariamente istituita nel lontano 1996, prevede per gli Agenti anche la cancellazione dal Ruolo, che è stato abrogato dal Decreto Legislativo n° 59 del 26 marzo 2010.

Gli agenti quindi non sarebbero in grado di certificare questo ultimo requisito; l’inps, su interessamento dell’USARCI, darà al più presto indicazioni in merito.

L’indennizzo verrà corrisposto fino all’età massima di 66 anni e 6 mesi per gli uomini e

64 e 9 mesi per le donne, età attualmente prevista per il diritto alla pensione di vecchiaia.

L’Indennizzo è incompatibile con l’esercizio di qualsiasi attività di lavoro autonomo o subordinato ed è revocato a far data dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale viene ripresa l’attività lavorativa.

Viene corrisposto anche a coloro che godono già di altri trattamenti pensionistici.

Le richieste dovranno essere presentate entro il 31 gennaio del 2017 e l’assegno sarà corrisposto dal 1° giorno del mese successivo alla data della domanda, che deve essere presentata agli uffici INPS territoriali di competenza.

L’indennizzo è finanziato con un contributo dello 0,09 per cento a carico dei commercianti, che sarebbe scaduto il 31.12.2014 ma che sarà prorogato sino al 31 dicembre 2018.

La proroga introdotta e i termini modificati danno due nuove importanti opportunità:

  • la prima a coloro che, raggiunta l’età di 62 anni o 57 per le donne e cessata l’attività negli anni 2012 e 2013 non hanno potuto fare richiesta dell’indennizzo perché la legge era scaduta; questi potranno ora presentare la domanda e potranno ottenere l’indennizzo per gli anni mancanti all’età della pensione di vecchiaia, purtroppo con decorrenza solo dal mese successivo alla presentazione della domanda.
  • la seconda alle donne, che, ottenuto il diritto all’indennizzo, avevano ricevuto informazione dall’inps che lo stesso sarebbe stato erogato solo fino all’età di 61 e 6 mesi; queste ora potranno riscuoterlo fino ai 64 anni e 9 mesi.

L’INPS al più presto indicherà le modalità di attuazione.

L’indennizzo, come già detto, è pari al trattamento minimo di pensione spettante ai commercianti ed il periodo in cui viene riscosso è riconosciuto figurativamente ai fini del diritto al trattamento pensionistico.

Tags: , ,

13 thoughts on “Agenti e commercianti, 500 euro al mese per il prepensionamento”

  1. raffaele biosa ha detto:

    ma poi i 500 euro vengono restituiti al raggiungimento della pensione

    1. Redazione ha detto:

      Mi scusi Raffaele, è una domanda o una constatazione?

  2. eliana santori ha detto:

    Per favore spiegatemi bene:
    Ho i requisiti di anzianità (60 anni) e di iscrizioni varie, ma ho anche oltre quarant’anni di anzianità e nel 2016 dovrei ottenere la pensione con 42 circa anni di contribuzione. Se cesso l’attività adesso, nel 2016 posso richiedere la mia pensione contributiva o questo beneficio dei 500 euro è solo al raggiungimento della pensione di vecchiaia?
    All’INPS mi hanno detto che posso richiedere la pensione nel 2016 e ovviamente cessare la riscossione delle 500 euro di indennizzo, ma io ho forti dubbi e non vorrei trovarmi a sospendere la mia attività e poi aspettare la pensione di vecchiaia per ricevere quanto versato in contributi.
    Mi hanno parlato di contributi figurativi fino alla maturazione dei 42 anni richiesti di contribuzione, ma chi li pagherebbe?
    Per favore rispondetemi urgentemente, il lavoro manca e un piccolo aiuto fino al 2016 mi aiuterebbe. Grazie Eliana Santori

    1. Redazione ha detto:

      Per maggiori dettagli le consiglio di contattare la USARCI-LANARC, se è residente in Campania, ai recapiti indicati al seguente link: USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

  3. Rossi Claudio ha detto:

    ho 60 anni e da 22 svolgo l’attivita’ di commerciante :ho diritto alla pensione anticipata di 500 euro al mese(37 anni di contributi versati)?

    1. Redazione ha detto:

      Per maggiori dettagli le consiglio di contattare, se è residente in Campania, la USARCI-LANARC, ai recapiti indicati al seguente link: USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

  4. Guido Galieti ha detto:

    L’attività svolta attualmente dal sottoscritto, giuridicamente è una società in accomandita semplice (sas) composta da me e mia moglie, quindi verso i contributi pensionistici per entrambi. Se decidessimo di cessare l’attività e aderire al prepensionamento, mia moglie ne avrebbe diritto come collaboratrice?

    1. Redazione ha detto:

      Per maggiori dettagli le consiglio di contattare, se è residente in Campania, la USARCI-LANARC, ai recapiti indicati al seguente link: USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

  5. antonietta ha detto:

    Buonasera: ho una domanda: ma se un agente di commercio decidesse di andare in pensione anticipata a 62 anni,
    l’indennità di clientela maturata in tutta la sua attività lavorativa, viene ugualmente riconosciuta o rischia di perderla?
    grazie.

    1. Redazione ha detto:

      Per maggiori dettagli le consiglio di contattare, se è residente in Campania, la USARCI-LANARC, ai recapiti indicati al seguente link: CONTATTI USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

  6. cosimo ha detto:

    volevo sapere se cessa l’attivita commerciale una snc, il titolare 62 anni può utilizzare il prepensionamento 500€ mese
    fino all’età pensionabile?
    saluti

    1. Redazione ha detto:

      Per maggiori dettagli le consiglio di contattare, se è residente in Campania, la USARCI-LANARC, ai recapiti indicati al seguente link: CONTATTI USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.