Posts by webmaster

Nascite e adozioni, da ENASARCO bonus di 750 euro

19 Settembre 2019 Posted by Sindacato 0 thoughts on “Nascite e adozioni, da ENASARCO bonus di 750 euro”

La Fondazione ENASARCO anche quest’anno ha stanziato per le famiglie degli agenti di commercio una prestazione integrativa di 750 euro per ogni figlio nato o adottato.

A chi spetta

La misura è è per gli agenti in attività. Se entrambi i genitori sono iscritti alla Fondazione, verrà erogata una sola prestazione.

Adozioni

È possibile richiedere il contributo solo dopo la sentenza definitiva emessa dal tribunale competente.

Info utili

Per i figli nati o adottati nel 2018 si potrà richiedere il contributo nel corso del 2019, purché entro un anno dall’evento come previsto nel Programma delle prestazioni integrative 2018.

Requisiti

Alla data dell’evento, è necessario avere i seguenti requisiti:

  • Agenti in attività: avere al 31/12/18 un’anzianità contributiva complessiva di almeno un anno (4 trimestri, coperti esclusivamente da contributi obbligatori) negli ultimi tre.
  • Essere titolare di un reddito annuo lordo per l’anno 2017 non superiore a 70.000 euro.

Quanto spetta

  • 750 euro per ogni figlio nato o adottato.

Come richiedere il contributo

È possibile inviare la richiesta esclusivamente online, attraverso l’area riservata inEnasarco. Non sono accettate domande presentate con altre modalità, ad esempio con raccomandata, o consegnate presso le nostre sedi.

Documentazione

Gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione:

  • Copia della dichiarazione dei redditi presentata nell’anno 2018.
  • In caso di adozione, inviare anche la copia della sentenza definitiva di adozione emessa dal tribunale competente.

Scadenza

Il contributo deve essere richiesto entro un anno dall’evento.

Maggiori informazioni e la modulistica necessaria sono reperibili sul sito ENASARCO al questo “link”

Asili, ENASARCO: 1500 euro per gli agenti

18 Settembre 2019 Posted by Sindacato 0 thoughts on “Asili, ENASARCO: 1500 euro per gli agenti”

La Fondazione ENASARCO anche quest’anno ha stanziato una prestazione integrativa di 1500 euro rivolta alle famiglie di agenti con figli in età da 0 a 3 anni che abbiano frequentato, nell’anno scolastico 2018/19, le scuole dell’infanzia pubbliche o private (parificate o legalmente riconosciute).

Alla data della presentazione della domanda, è necessario avere i seguenti requisiti:

Agenti in attività: avere al 31/12/18 un’anzianità contributiva di almeno un anno (4 trimestri, coperti esclusivamente da contributi obbligatori) negli ultimi tre.
Essere titolare di un reddito annuo lordo anno 2017 non superiore a 70.000 euro.

Documentazione

Gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione:

  1. copia del giustificativo della spesa sostenuta;
  2. copia della dichiarazione dei redditi presentata nell’anno 2018;
  3. copia del documento di identità valido del richiedente.

Scadenza

Il contributo deve essere richiesto entro il 31/01/2020.

Maggiori informazioni e la modulistica necessaria sono reperibili sul sito ENASARCO al questo “link”

 

Libri scolastici e universitari, per gli agenti c’è il contributo ENASARCO

10 Settembre 2019 Posted by Articoli 0 thoughts on “Libri scolastici e universitari, per gli agenti c’è il contributo ENASARCO”

Anche per l’anno 2019-2020 ENASARCO ha previsto una prestazione integrativa erogata per l’acquisto di testi universitari e scolastici. La misura è rivolta alle famiglie degli agenti con figli che frequentano scuole secondarie di primo, secondo grado e università.

Per usufruirne, alla data dell’1/9/2019, è necessario avere i seguenti requisiti:

  • Figli di agenti in attività: l’agente deve avere al 31/12/18 un’anzianità contributiva complessiva di almeno un anno (4 trimestri, coperti esclusivamente da contributi obbligatori) negli ultimi tre ed essere titolare di un reddito annuo lordo anno 2017 non superiore a 70.000 euro.
  • Orfani di agenti in attività aventi un’anzianità contributiva complessiva di almeno un anno (4 trimestri, coperti esclusivamente da contributi obbligatori) negli ultimi tre anni, per decessi avvenuti in pendenza di un rapporto di agenzia.
  • Figli di pensionati.
  • Orfani di pensionati.

Il bonus ammonta a 300 euro per ogni figlio dell’iscritto. Per ottenerlo va presentata una domanda per ciascun figlio. Se entrambi i genitori sono iscritti alla Fondazione verrà erogato un solo contributo.

Il contributo va richiesto esclusivamente online, attraverso l’area riservata inEnasarco. Non sono accettate domande presentate con altre modalità, ad esempio con raccomandata, o consegnate presso le sedi ENASARCO.

Per inoltrare la domanda gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione:

  • copia della dichiarazione dei redditi presentata nell’anno 2018;
  • copia dell’attestato di iscrizione dello studente.

Il contributo deve essere richiesto entro il 31/01/2020.

Quota 100 anche per gli agenti, USARCI: ottimo risultato

3 Settembre 2019 Posted by Articoli, Sindacato 2 thoughts on “Quota 100 anche per gli agenti, USARCI: ottimo risultato”

L’agente commerciale da questo momento può presentare domanda di pensione INPS quota 100 senza dover necessariamente chiudere prima la partita iva e cancellarsi dalla C.I.A.A. Lo ha stabilito l’INPS con circolare n° 117 del 09/08/2019.

In sostanza, al momento dell’ottenimento della pensione, l’agente potrà percepire ancora provvigioni solo ed esclusivamente se tali importi sono attribuibili a vendite effettuate nel periodo antecedente l’ottenimento della pensione quota 100.

Anche le indennità di fine rapporto sono state escluse dal computo ai fini reddituali. L’Inps altresì informa che l’indennizzo percepito dall’agente relativo alla cessazione dell’attività commerciale di cui al D-Lgs. 28 marzo 1996 e ss. mm.ii è escluso dal reddito, pertanto anche chi percepisce tale indennizzo, può chiedere la pensione anticipata Inps quota 100.

La circolare dell’INPS è stata emanata in seguito alle numerose pressioni ed incontri promossi dall’Usarci, proprio perché, secondo il sindacato degli agenti di commercio, la normativa “Quota 100” era di non facile interpretazione e rischiava di discriminare la figura dell’agente di commercio.

I vertici della USARCI hanno espresso grande soddisfazione per il risultato ottenuto.

Travaglini (LANARC): colmeremo il gap con le mandanti, ma gli agenti facciano squadra

16 Luglio 2019 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “Travaglini (LANARC): colmeremo il gap con le mandanti, ma gli agenti facciano squadra”

Parla Guglielmo Travaglini, il nuovo presidente della USARCI-LANARC

58 anni, agente di commercio da 35, Guglielmo Travaglini è il nuovo presidente regionale della USARCI, il sindacato degli agenti di commercio più rappresentativo a livello nazionale. Travaglini, che già ha ricoperto il ruolo di consigliere del sindacato campano, in quest’ultima tornata elettorale è stato designato presidente dal consiglio direttivo. Succede a Luciano Falgiano, in carica nelle precedenti due consiliature.

Lei è anzitutto un agente di commercio: quando e in che modo ha iniziato questa professione?

Avevo circa 22 anni. Ero subagente dell’agenzia Lomonaco, lavoravo, allora come oggi, nel settore termoidraulica.

La USARCI è l’associazione di categoria più rappresentativa a livello nazionale. Lei presiederà la sezione campana per i prossimi quattro anni. Cosa si aspetta?

Mi aspetto quattro anni molto impegnativi. Dai bilanci della fondazione ENASARCO, che è la cassa di previdenza degli agenti di commercio, si rileva che in Italia ci sono circa 230mila agenti. In Campania ce ne sono circa 19mila. Tuttavia, da anni il numero complessivo dei contribuenti continua a diminuire nell’ordine del 2% all’anno, e così anche in Campania. Questa decrescita deve farci riflettere.

Gli agenti di commercio sono una forza lavoro importante, che movimenta buona parte del PIL. Ciononostante, anche questa categoria sta attraversando una fase di evoluzione che deve essere gestita al meglio.

In che modo?

Anzitutto lavorando per ricompattare la categoria. I colleghi si lasciano assorbire completamente dal lavoro e trascurano i temi dell’associazionismo che invece sono fondamentali per la contrattazione collettiva.

Da dove derivano le criticità relative a questo lavoro e come possono essere superate?

Le criticità derivano anzitutto dai rapporti con le aziende mandanti, non sempre equilibrati. Ad esempio, le indennità di fine rapporto sono riconosciute all’agente solo se la risoluzione del contratto è richiesta dalla ditta mandante. Se invece è l’agente di commercio a decidere di interrompere il rapporto lavorativo non sono riconosciute. Non di rado agenti inconsapevoli perdono così il diritto a percepire le indennità maturate. Ci batteremo affinché ciò cambi.

Che periodo è questo per quanti svolgono questa professione?

È un periodo difficile. È richiesto un livello di specializzazione sempre più alto, soprattutto in Marketing e Web Marketing. Inoltre, oggi le ditte mandanti non lasciano agli agenti margini di intervento nelle politiche commerciali dell’azienda, come invece avveniva in passato, quando il management si occupava anzitutto di seguire la produzione.

Quali sono gli obbiettivi che intende raggiungere nel corso della sua presidenza?

Aumentare il numero degli iscritti. Ciò è necessario per conferire alla Campania un peso decisionale maggiore a livello nazionale. Per riuscirci abbiamo avviato una fase di riorganizzazione della nostra strategia di comunicazione online e abbiamo ampliato i servizi e le convenzioni per gli associati. Inoltre, portiamo avanti campagne di sensibilizzazione sui temi della categoria. È importante che i colleghi capiscano quanto sia importante stare uniti in tutte le fasi della vita associativa. Non solo in caso di liti giudiziarie con le mandanti.

Assemblea LANARC, “quota 100” e FIRR al centro del dibattito

1 Luglio 2019 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “Assemblea LANARC, “quota 100” e FIRR al centro del dibattito”

Il dibattito su “Quota 100”, “tutela delle indennità” e “FIRR” ha riscosso grande interesse tra gli agenti di commercio della Campania che giovedì hanno partecipato numerosi all’assemblea della USARCI-LANARC indetta negli uffici dell’associazione di piazza Garibaldi.

Le adesioni hanno superato infatti le aspettative, così come gli interventi dei partecipanti. Tra le domande più gettonate, rivolte al consulente legale, avvocato Gianluca Stanzione, e fiscale, dottor Mario Marsico, ci sono state quelle relative al FIrr, il fondo indennità di risoluzione del rapporto, e agli strumenti per salvaguardarne il versamento delle quote da parte delle ditte mandanti. “ENASARCO non è tenuta a vigilare sul corretto versamento delle quote FIRR – hanno ricordato Marsico e Stanzione – ma solo a custodirne le giacenze. Per questo gli agenti sono tenuti a richiedere alla mandante, qualora non fosse rilasciato, l’estratto conto delle spettanze, in cui sono specificate le voci relative alle provvigioni e alle quote FIRR”.

Poi si è parlato di quanto sia importante approfondire il contenuto dei contratti sottoposti dalle mandanti, che possono contenere delle clausole capestro come budget troppo alti o comunque irrealistici. Ciò pone gli agenti in condizioni di inadempienza che non dipende però dalla loro volontà o dal loro impegno. “L’assistenza contrattuale è fondamentale – ha ricordato Stanzione -. Poter contare sull’associazione, che fornisce supporto specifico, costituisce un’opportunità per tutti gli agenti”. E sulle richieste delle mandanti rivolte agli agenti, che esulano dal contratto o che rappresentano un’ingerenza nello sviluppo e gestione del portfolio clienti, ha aggiunto: “Una maggiore consapevolezza sui propri doveri e sui propri diritti consente agli agenti di lavorare meglio e con maggiore profitto”.

Numerose infine sono state richieste di approfondimento relative alle problematiche del decreto quota 100 e la sua complessa applicabilità.

L’assemblea si è conclusa con un brindisi in occasione del compleanno del consigliere LANARC, Gianpaolo Russo, e dello stesso avvocato Stanzione.

Indennità, ENASARCO, INPS e quota 100: al via l’assemblea aperta LANARC

12 Giugno 2019 Posted by Articoli 0 thoughts on “Indennità, ENASARCO, INPS e quota 100: al via l’assemblea aperta LANARC”

L’appuntamento è per giovedì 27 giugno in piazza Garibaldi 49 alle ore 15,30.

Anzitutto i temi d’attualità: le indennità previste dall’accordo economico collettivo, ENASARCO, INPS e quota 100. Poi le domande che i partecipanti rivolgeranno ai consulenti su questi stessi temi o su altri argomenti. Il giorno 27 giugno gli uffici di piazza Garibaldi della USARCILANARC ospiteranno l’assemblea aperta a tutti gli agenti di commercio della Campania. Sarà un’occasione di confronto tra addetti ai lavori ma soprattutto un momento per acquisire informazioni. Nel corso dell’assemblea, come anticipato, i partecipanti avranno la possibilità di interloquire con i consulenti dell’associazione e porre loro domande specifiche.

I partecipanti sono pregati di telefonare allo 0817613541, oppure al 3311488587 oppure di scrivere a lanarcusarci@virgilio.it per confermare l’adesione.

Cambio al vertice della LANARC: Travaglini succede a Falgiano

6 Aprile 2019 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “Cambio al vertice della LANARC: Travaglini succede a Falgiano”

Bilancio in attivo e iscritti in aumento, l’associazione agenti di commercio della Campania torna a crescere

Enzo Semeraro, patron del circolo Posillipo, e Luciano Falgiano, consigliere LANARC, nominati presidenti onorari.

Da sinistra: Antonio Tardio, Luciano Falgiano, Achille Esposito

Ha superato il periodo più difficile della sua storia (oltre 50 anni), ed ora la USARCI-LANARC, associazione degli agenti di commercio di Napoli e della Campania, guarda al futuro con maggiore consapevolezza. Infatti, dopo anni di difficoltà economiche, l’associazione presenta un bilancio in attivo e un sensibile aumento degli iscritti. Lo hanno comunicato ieri Achille Esposito e Antonio Tardio, rispettivamente tesoriere e consulente fiscale dell’associazione, in occasione del XX congresso regionale tenutosi al circolo nautico Posillipo.

Da sinistra: Luigi Doppietto, Umberto Mirizzi, Luciano Falgiano

Quello di ieri è stato un congresso molto atteso, anzitutto perché hanno avuto luogo le votazioni per il rinnovo del consiglio direttivo. A tal proposito, la novità più importante è stata l’elezione di Guglielmo Travaglini, scelto all’unanimità dal nuovo direttivo come presidente della USARCI-LANARC. Travaglini succede a Luciano Falgiano, presidente in carica dal 2011, che oltretutto ha raggiunto il limite di due mandati sancito dallo statuto dell’associazione. Alla vicepresidenza è stato riconfermato Luigi Doppietto. Infine, gli altri nove eletti nel consiglio direttivo sono: Nada Ciullini, Achille Esposito, Luciano Falgiano, Angelo Padrone, Antonio Pastore Carbone, Gianpaolo Russo, Catello Somma. Tuttavia, la ratifica delle cariche di ciascun componente avverrà nelle prossime settimane, in occasione della prima riunione del consiglio.

Ma il congresso ha rappresentato anche un’occasione per affrontare alcune tematiche d’attualità relative alla professione dell’agente di commercio. Il particolare Falgiano ha ricordato, come ha fatto anche nel corso di una recente intervista rilasciata al Corriere del Mezzogiorno, che «secondo i dati ENASARCO, negli ultimi 5 anni il settore ha perso ventimila posti di lavoro». «Per evitare che il calo dei contribuenti possa in qualche modo mettere in difficoltà la cassa degli agenti – ha aggiunto Falgiano – è importante che il governo introduca misure a sostegno del settore».

All’assemblea ha partecipato anche il presidente nazione USARCI, Umberto Mirizzi: «Scopo della nostra associazione è supportare gli agenti di commercio a tutti i livelli, anzitutto fornendo loro servizi e informative. E’ necessario inoltre portare avanti battaglie per rafforzarne i diritti. Ad esempio, continueremo a batterci per migliorare le condizioni dell’accesso a un bene strumentale come l’automobile, che ancora non è interamente deducibile, ed ha un tetto di 25mila euro, troppo basso considerando che l’auto è il principale strumento di lavoro degli agenti». «Quanto a ENASARCO – ha concluso Mirizzi – va ricorda che la cassa gode di ottima salute e ha superato la dinamica dei contributi silenti, quindi i contribuenti, raggiunta l’età pensionabile, riceveranno in ogni caso la loro pensione in proporzione a quanto hanno versato, anche se si tratta di contributi minimi.

Altro intervento molto atteso è stato quello del consulente legale dell’associazione, l’avvocato Alessandro Limatola, il quale ha ricordato come la figura dell’agente di commercio stia attraversando una fase di evoluzione. «Questo non deve essere considerato un periodo di crisi, bensì di nuove opportunità. Gli agenti dovranno adeguarsi alle esigenze del mercato e acquisire competenze per diventare dei consulenti specializzati. Nuove tipologie di agenti e nuovi settori merceologici stanno emergendo. Ne sono un esempio gli agenti con sede fissa; i personal shopper; i publisher, figure che promuovono online beni strumentali o servizi come quelli turistici. Tutte queste figure, ad esempio, svolgono in pieno l’attività di promozione e conclusione di un contratto, cioè l’attività propria degli agenti di commercio».

L’incontro si è concluso con la nomina a presidente onorario conferita a Enzo Semeraro, patron del circolo Posillipo e associato LANARC della prima ora; e a Falgiano, presidente LANARC uscente.

Agenti di Commercio al voto: al Posillipo il XX° congresso regionale della Campania

25 Marzo 2019 Posted by Articoli 0 thoughts on “Agenti di Commercio al voto: al Posillipo il XX° congresso regionale della Campania”

Giovedì 4 aprile il XX° congresso regionale USARCI-LANARC

Gli agenti di commercio di Napoli e della Campania si riuniranno in occasione del XX° congresso regionale della USARCI-LANARC. Durante il congresso si svolgeranno le votazioni per il rinnovo del consiglio direttivo del collegio dei probiviri. L’incontro si svolgerà giovedì 4 aprile presso il circolo nautico Posillipo, in via Posillipo 5, a partire dalle ore 15. Il programma della giornata sarà articolato come segue:

Parte pubblica

Ore 15

Apertura dei lavori in seconda convocazione;

Nomina del Presidente del congresso e del Segretario del Congresso;

Ore 15,15

Saluto del Presidente Nazionale Usarci;

Relazione del Presidente Regionale Lanarc/Usarci;

Intervento Autorità ed Ospiti;

Parte privata

Ore 16,00

Nomina Commissione Elettorale, verifica validità deleghe e schede;

Costituzione seggio elettorale;

Ore 16,15

Apertura dei termini di richiesta  di intervento;

Ore 16,30

Relazione del Tesoriere, Approvazione Bilancio Consuntivo 2018 e Preventivo 2019;

Ore 17,00

Chiusura termini richiesta interventi – Pausa lavori – Coffee Break;

Ore 17,15

Ripresa Lavori – Consegna schede Elettorali ed inizio votazione per eleggere i 9 componenti del Consiglio Direttivo e i 3 componenti del Collegio dei Probiviri della LANARC USARCI;

Ore 17,30

Inizio discussione sulle richieste di intervento pervenute;

Ore 18,30

Termine ultimo per la votazione;

Spoglio delle schede da parte della Commissione Elettorale;

Ore 19,15

Proclamazione dei Consiglieri Eletti;

Ore 19,30

Chiusura del verbale relativo al XX° Congresso Regionale;

Pensioni e quota 100, gli agenti di commercio scrivono a Di Maio

26 Febbraio 2019 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “Pensioni e quota 100, gli agenti di commercio scrivono a Di Maio”

Quota 100 difficile per agenti e rappresentanti, le organizzazioni sindacali chiedono chiarimenti al ministero del lavoro

La nuova normativa sulla cosiddetta “quota 100” per l’accesso anticipato al pensionamento, così come è stata formulata, crea concrete difficoltà agli agenti e rappresentanti di commercio che ne volessero usufruire. Con il risultato che si rischia di produrre una discriminazione a danno dei lavoratori del settore.
La disciplina del decreto legge, infatti, non ha tenuto conto delle specifiche modalità di svolgimento e di cessazione dell’attività di intermediazione commerciale previste dalle norme di legge e dagli Accordi economici collettivi che regolano il rapporto di agenzia.
Allo stato dell’arte, infatti, si riscontrano non poche contraddizioni proprio tra la nuova normativa e quanto invece sancito dal Codice Civile e dagli Accordi economici collettivi.
In particolare, nella fase di chiusura dei rapporti contrattuali con le aziende rappresentate dagli Agenti, la prevista impossibilità di cumulare la pensione “quota 100” con i redditi derivanti dall’attività, pena la sospensione dell’erogazione della pensione stessa, impedisce all’agente di commercio di poter incassare quelle provvigioni, relative a ordini conclusi prima della conclusione del rapporto contrattuale e maturate a seguito del rapporto medesimo, ma pagate successivamente a rapporto ormai concluso.
A questo fine le Organizzazioni sindacali rappresentative della categoria e firmatarie degli Accordi economici collettivi (F.N.A.A.R.C, F.I.A.R.C., FILCAMS-C.G.I.L., FISASCAT-C.I.S.L., UILTUCS-U.I.L., U.G.L., USARCI) hanno unitariamente sottoposto al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed agli Organi competenti in materia una richiesta di chiarimento in ordine alla corretta interpretazione della normativa al fine di evitare un’ingiusta disparità a danno di una intera categoria di lavoratori.