ENASARCO, la parola agli agenti

19 Ottobre 2015 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “ENASARCO, la parola agli agenti”

L’occasione è ghiotta: l’Enasarco, il nostro ente di previdenza, in conformità alle direttive del Ministero del lavoro, per la prima volta nella sua storia, ha indetto le elezioni per il rinnovo degli organi direttivi della fondazione.

Le elezioni sono state già fissate per i giorni dall’1 al 14 aprile 2016 e potranno votare tutti gli agenti di commercio iscritti all’Enasarco con almeno un mandato attivo. Le elezioni si terranno on line sul sito dell’ente: gli agenti eleggeranno 40 delegati, con analoghe modalità le mandanti eleggeranno 20 delegati. Tutti insieme i 60 delegati eleggeranno i consiglieri che guideranno il nostro ente per i prossimi 4 anni. Per tutti coloro che volessero prendere visione del regolamento e delle modalità per espletare il voto consiglio di visitare i nostri siti web www.usarci.it e www.usarcilanarc.it

Inoltre per la maggiore diffusione dell’importantissima novità è stato predisposto un massiccio invio di news letter, e terremo seminari sull’argomento presso le nostre sedi.

Ho iniziato l’articolo parlando di occasione ghiotta. Uso questa espressione per sottolineare l’importanza di ciò che sta per capitare: pensate, per la prima volta la nostra categoria ha la possibilità di scegliere altri agenti di commercio, nostri colleghi, da mandare all’Enasarco a rappresentare le nostre istanze. E questo è il motivo per cui bisogna votare l’USARCI, l’unico sindacato senza padroni e totalmente svincolato dalle logiche dei partiti di riferimento o di organizzazioni datoriali. Purtroppo, com’è risaputo, l’autonomia fa paura: chi non è inquadrato e non si piega alle logiche del vecchio e triste manuale Cencelli, chi si batte per il superamento del monomandato come fa l’USARCI, o per la totale deducibilità del costo dell’auto, è visto come un rompiscatole da un apparato che vuole continuare a fluttuare in un limbo che ha poco a che fare con la realtà di un mondo che cambia e si trasforma. Il mio auspicio è che il meccanismo elettorale con le successive elezioni appassioni gli agenti di commercio, ci faccia ritrovare lo spirito di appartenenza, l’orgoglio di svolgere un lavoro in totale autonomia. In poche parole, cari colleghi, bisogna impegnarsi e, tutti insieme, riusciremo a crearci il nostro futuro, senza aspettare che qualcuno decida per noi. Siamo noi che dobbiamo tracciare le linee guida della nostra professione. Per tutti questi motivi non dobbiamo sprecare questo “calcio di rigore”: si deve votare in massa e convincere i colleghi che incontriamo tutti i giorni a votare l’USARCI, l’unico sindacato composto da agenti di commercio.

Tags: , ,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.