Enasarco, sindacati chiedono incontro ministero Lavoro

29 Gennaio 2015 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “Enasarco, sindacati chiedono incontro ministero Lavoro”

I sindacati degli agenti e rappresentanti di commercio (Fnaarc, Usarci, Fiarc, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs, e Ugl Terziario), nell’esprimere ”forte preoccupazione” in merito a possibili interventi sulla ‘governance’ della Fondazione Enasarco, hanno richiesto ”con urgenza – informa una nota – un incontro al Ministro del Lavoro per sottoporre all’attenzione delle autorità competenti la situazione dell’ente previdenziale e soprattutto le istanze delle categorie”. L’iniziativa delle organizzazioni sindacali, firmatarie degli accordi economici collettivi, muove da ”notizie circolate in questi giorni sul presente e futuro” dell’ente di assistenza degli agenti e rappresentanti di commercio.

Con tutta probabilità tali “notizie” consistono nella richiesta di commissariamento dell’ente chiesto a Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, da parte di Anasf, Federagenti e Fiaip (rispettivamente l’associazione dei promotori finanziari e le associazioni maggiormente rappresentative degli agenti di commercio e agenti immobiliari). Infatti  Anasf, Federagenti e Fiaip auspicano che il Ministero del Lavoro accolga la proposta della Commissione parlamentare di controllo sugli enti di previdenza, di commissariare Enasarco e avvii una stagione di profondo cambiamento nella gestione di Ente di previdenza degli agenti di commercio, ”più trasparente e realmente partecipata” affermano in una nota congiunta. “Da tempo chiediamo il commissariamento di Enasarco – dice il presidente Anasf, Maurizio Bufi – accogliamo con favore la richiesta avanzata dalla Commissione e pensiamo possa essere anche la strada per consentire a tutti gli iscritti attraverso la condivisione di un nuovo Statuto, di poter concorrere all’elezione dei nuovi organi sociali”. “Occorrono nuovi meccanismi gestionali e di governance a tutela degli iscritti della fondazione, che potrebbero essere sicuramente individuati durante il periodo commissariale” conferma Luca Gaburro, segretario generale Federagenti. ”Siamo inoltre preoccupati –
aggiunge Paolo Righi, presidente Fiaip – per il presunto scarto di valore nei bilanci dell’ente previdenziale di oltre 465 milioni di euro. Per questo auspichiamo l’intervento del ministero e degli organismi di vigilanza per far luce sulla vicenda”.

Non si è fattaattendere la replica di ENASARCO ”è infondata qualsiasi richiesta di commissariamento dell’ente da
qualsiasi parte provenga. E’ stata fornita alla Commissione parlamentare, ai ministeri vigilanti e alla Covit e tutti i
chiarimenti richiesti con tutta la documentazione allegata”. ”E’ tanto più paradossale – prosegue l’ente nazionale di
assistenza degli agenti e rappresentanti di commercio – che la richiesta di commissariamento arrivi in un momento in cui la Fondazione non solo ha approvato il nuovo Statuto ma sta raggiungendo risultati sempre migliori in fatto di stabilità finanziaria, rendimento degli investimenti e dismissione del patrimonio immobiliare”.

Tags: ,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.