Gl'invisibili

30 Marzo 2012 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “Gl'invisibili”

di Luigi Doppietto*

Cari colleghi, mi ha molto colpito in questi ultimi tempi di crisi economica e politica, l’assordante silenzio dei media, giornali e tv, a riguardo degli agenti di commercio. Non una parola, non un servizio televisivo, non un approfondimento in una qualsiasi trasmissione, forum o dibattito collegato alla crisi e alla nostra categoria. Eppure siamo più di 300mila in Italia, e gli ultimi sensibili aumenti del carburante, dei pedaggi autostradali, dei parcheggi, solo per citarne alcuni, ci riguardano molto da vicino, perché sono voci di spesa importantissime per lo svolgimento della nostra attività.
I media si sono occupati ampiamente dei camionisti, dei tassisti, nostri fratelli di strada, dei poveri notai, degli sventurati farmacisti, dei miseri professionisti, persino degli sciagurati politici in crisi d’identità ai tempi di governi tecnici. Di noi no, nemmeno una parola, perché? Eppure anche noi, come tutti gli altri, con il nostro lavoro, contribuiamo attivamente al Pil del nostro paese. Pensate che il 70% delle merci o dei servizi è venduto da agenti di commercio. Sicuramente uno dei motivi della mancanza di visibilità della categoria è dovuta alla peculiarità della nostra attività. Noi lavoriamo nella maggior parte dei casi da soli, e questo ci porta a credere erroneamente che le problematiche e i mutamenti del nostro lavoro siano solo nostri, ma non è così.
In una società complessa e in continua evoluzione anche noi abbiamo bisogno di confrontarci, unirci e portare avanti battaglie comuni che tutelino i nostri interessi e le nostre aspettative. Solo appassionandoci a un’idea condivisa avremo qualche possibilità in più di emergere e magari acquistare un po’ di visibilità e considerazione.

*Segretario Lanarc-Usarci

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.