Il nuovo accertamento sintetico: redditometro e redditest

30 Dicembre 2013 Posted by Articoli, L'angolo del commercialista 0 thoughts on “Il nuovo accertamento sintetico: redditometro e redditest”

Immagine1Mario Marsico

La premessa

Sono ormai  diversi decenni  che il fisco italiano sta tentando di compiere un cammino  verso una maggiore giustizia tributaria da attuarsi attraverso  controlli sempre più raffinati. Tra questi i controlli   sul tenore di vita dei  contribuenti per determinare “sinteticamente” il reddito tassabile. La particolare  metodologia prende il nome di “redditometro” i cui prodromi sono già previsti dalla disciplina dell’accertamento di cui alla  L. n. 600 del 1973 che consentiva all’Amministrazione Finanziaria  di accertare a carico del contribuente un reddito maggiore di quello dichiarato,  in presenza di  determinati  elementi certi. Solo nel 1992 un apposito decreto indicava le categorie di beni  (imbarcazioni,  mezzi di trasporto, residenze ecc.) e servizi ( assicurazioni, collaborazioni domestiche e così via)  che costituivano elementi e indici di valutazione per la determinazione del reddito teorico delle persone fisiche  da contrapporsi a quello dichiarato con evidenziazione  dei relativi scostamenti. Per anni, salvo pochi interventi di “maquillage”,  alcuna sostanziale modifica è stata operata in ordine ai  parametri prescelti su quali applicare determinati moltiplicatori per l’ottenimento del reddito presunto , tant’è che, alla lunga, gli  stessi    hanno  finito per risultare  superati e scarsamente significativi ai fini  della realtà reddituale. Lo strumento parametrico  andava completamente rivisitato, tenuto conto dei mutamenti intervenuti,  nell’ultimo decennio, da un punto di vista socio-economico nella capacità di spesa,  per cui nell’estate 2010  è stato innovato l’istituto dell’accertamento sintetico del reddito delle persone fisiche   basando l’esame ed il controllo  sulle spese di qualunque tipo  sostenute dal contribuente  nel periodo d’imposta.

Lo strumento

Il nuovo Redditometro  è lo strumento in base al quale,  con le opportune verifiche fiscali,   tutte le spese  del contribuente  vengono trasformate in reddito. Siamo quindi nel campo dell’accertamento induttivo attuato soprattutto con l’intento  di scoprire fasce di evasione ma diretto anche a contribuire all’innalzamento spontaneo dei redditi dichiarati attraverso un’azione educativa basata, come vedremo,  su  una autovalutazione della congruità del proprio reddito rispetto alle spese sostenute. La novità fondamentale di tipo metodologico  è rappresentata dal fatto che il nuovo redditometro è  riferito non più al singolo contribuente ma all’intera  “base familiare”. Il concetto di famiglia è però sganciato da quello giuridico  e fiscale  per assumere una connotazione “reale” (la “coppia” non solo è quella relativa alle unioni matrimoniali ma anche quella basata sulle unioni di fatto).  Le situazioni  familiari di riferimento sono     inquadrate in 11 possibili tipologie   (es. “coppia con meno di 35 anni, senza figli e/o altri familiari” oppure “persona sola con meno di 35 anni” e così via ). Attraverso  le informazioni riguardanti le spese del contribuente assunte dall’Amministrazione  attraverso propri database o comunque desumibili  dalle dichiarazione dei redditi presentate viene verificata la corrispondenza del reddito  reale ( o, più correttamente, presunto tale dall’Agenzia delle Entrate) con quello dichiarato. Si tende quindi a correlare il  tenore di vita del contribuente e più in particolare il reddito desumibile   da  indicatori di capacità contributiva  dello stesso con il reddito dichiarato. Vengono   in sostanza evidenziate  le spese sostenute dai contribuenti su”base familiare”,  a conoscenza del fisco,  e quelle presunte da quest’ultimo  in base a particolari  medie Istat. Su queste spese vengono applicati i coefficienti costruiti con il software predisposto dall’Agenzia delle Entrate  che tiene conto della composizione familiare e dell’area geografica di appartenenza (il territorio nazionale è stato suddiviso in 5 aree).

Specifiche analisi  all’uopo predisposte dall’Agenzia delle Entrate hanno consentito di individuare una serie  di spese connesse a diversi aspetti della vita quotidiana, inquadrabili in  ben determinate categorie quali:

  • Abitazione  (Mutui, Arredi, ristrutturazioni, consumi ecc.)
  • Mezzi di trasporto (spese per auto, moto, caravan, imbarcazioni ecc.)
  • Assicurazioni (RC, incendio, vita ecc.)
  • Contributi previdenziali (obbligatori, volontari, complementari)
  • Istruzione (scuola, soggiorni, master  ecc.)
  • Attività sportive e ricreative (appartenenza a circoli, viaggi, abbonamenti  ecc.)
  • Cura della persona (centri benessere. Alberghi ecc.)
  • Altre spese significative (spese veterinarie, gioielli, assegni periodici al coniuge ecc.)

Investimenti immobiliari e mobiliari netti (fabbricati, quote societarie, auto, imbarcazioni, titoli, depositi bancari, eccetera).

Sulla base delle informazioni intercettate dal Fisco con varie modalità,    in relazioni a tali categorie di spesa vengono evidenziate mediante l’utilizzo del  complesso software all’uopo predisposto,  le seguenti  categorie di spese:

a)  le spese “certe” ovvero quelle effettivamente attribuibili al contribuente ed  oggettivamente riscontrabili dall’Amministrazione Finanziaria

b)   le spese “per elementi certi” , vale a dire le voci di ammontare determinato che l’agenzia delle Entrate ricava prevalentemente dall’utilizzazione di dati presenti nell’Anagrafe Tributaria, da  valori medi risultanti da indici ISTAT o da analisi provenienti da  altre fonti.

c) spese per i beni e servizi di uso corrente (spese medie su dati  a campione riguardanti indagini ISTAT sui consumi delle famiglie italiane)

d) quota di spese sostenuta,  nell’anno in esame,   per l’acquisto di beni e servizi durevoli.

I valori ISTAT hanno la funzione peculiare di integrare in taluni  casi  gli elementi presenti in Anagrafe Tributaria.

In base a tali dati viene ricostruita sinteticamente la “spesa complessiva annua” attribuibile al contribuente e conseguentemente viene operata  la ricostruzione sintetica del reddito presunto tenuto conto della composizione familiare e dell’area territoriale di appartenenza, considerata altresì la quota di risparmio formatasi nell’anno.

A seguito dell’attività istruttoria  la spesa dell’intero nucleo familiare viene attribuita  pro-quota al contribuente secondo il rapporto  tra il reddito complessivo dichiarato  o percepito dal contribuente e l’analogo reddito dell’intero nucleo familiare  mentre in caso di redditi non dichiarati il rapporto viene effettuato tra le spese sostenute dal contribuente e quelle dell’intero nucleo familiare  risultanti dalle informazioni contenute in Anagrafe Tributaria.

I controlli

L’Agenzia delle Entrate utilizzerà i dati ottenuti per selezionare i contribuenti da sottoporre,  poi,  a controllo considerata l’entità dello scostamento tra il reddito risultante a calcolo e quello dichiarato.  Le liste selettive riguarderanno  i contribuenti per i quali il reddito accertabile in base al redditometro sia superiore  di almeno il 20%  di  quello dichiarato dal contribuente.

I contribuenti il cui reddito dichiarato si discosta per uno scarto inferiore a tale limite non avranno alcuna preoccupazione di subire un accertamento basato su tale strumento.

Il contraddittorio

L’Ufficio, nel rispetto delle norme previste dall’art. 32 del DPR 600/72 che regolano i poteri istruttori  invita il contribuente selezionato a fornire elementi e notizie  ai fini dell’accertamento ed in particolare gli opportuni chiarimenti in ordine alle spese individuate ed al proprio reddito (presenza di eventuali redditi “diversi” da  quelli posseduti nel periodo d’imposta, redditi esenti, redditi soggetti a ritenuta a titolo d’imposta o comunque di redditi non rientranti nella base imponibile).

Se il contribuente fornisce validi elementi giustificativi in ordine alle “spese certe”, alle spese per “elementi certi”, alle spese per investimenti ed alla quota di risparmio dell’anno,  la fase di controllo si chiude con la redazione di un verbale “negativo” altrimenti si passa alla fase vera e propria di accertamento.

L’accertamento e la difesa del contribuente

L’Ufficio può procedere all’accertamento sintetico basato sul nuovo strumento  a partire dal periodo d’imposta 2009. Fino al 2008  (per tale anno, tra l’altro, l’azione accertatrice si prescrive il 31/12/2013) trova applicazione il  metodo basato sull’impiego congiunto del vecchio redditometro e del sintetico puro basato sugli elementi di capacità contributiva.

Qualora l’ufficio dovesse ritenere sussistenti elementi per fondare un atto impositivo invierà un nuovo “invito a comparire” per l’avvio dell’istituto deflattivo dell’ ”accertamento con adesione”.  Il contribuente viene, così,  informato sul maggior reddito sinteticamente attribuibile e sulle maggiori imposte dovute. Potrà seguire  l’eventuale adesione  al pagamento integrale delle maggiori imposte e sanzioni o l’avvio di  un contenzioso da accertamento con adesione, con la presentazione di ulteriori elementi difensivi  se sussisteranno gli estremi per una riduzione della pretesa, l’Agenzia delle Entrate presenterà una proposta al contribuente, che accetterà o meno.

Se il contribuente non accetta l’Ufficio gli notificherà l’avviso di accertamento. Entro 60 giorni da tale notifica potrà essere presentato  ricorso alla  Commissione Tributaria Provinciale in seno alla quale potranno essere fatti valere tutti gli strumenti di difesa  ed essere formulate tutte le eccezioni formali e sostanziali legate a tale particolare strumento accertativo. A tale riguardo va rilevato che  il cammino del redditometro è comunque ancora incerto.  E’ nota l’ordinanza  del Tribunale di Napoli – Sezione distaccata di Pozzuoli del 21/2/2013  che ha considerato  illegittimo il “Redditometro” ,  imponendo all’Agenzia delle Entrate, con riguardo al caso sottoposto a giudizio, di non intraprendere iniziative basate su tale strumento.   Il Redditometro permetterebbe, infatti,  di conoscere ogni aspetto della vita quotidiana del contribuente,  violando non solo la riservatezza  ma la stessa libertà individuale del cittadino  e quindi il diritto dello stesso all’autodeterminazione. Ma la sentenza produce effetti solo per il singolo caso e chi vorrà eccepire l’illegittimità del redditometro per violazione della privacy lo dovrà fare in sede di ricorso al Giudice del lavoro, unico competente per tale materia.

L’Agenzia delle Entrate sostiene la legittimità della metodologia  affermando che il Decreto Ministeriale che disciplina il redditometro  prevede l’utilizzo di dati e informazioni che sono già nella sfera di conoscenza del Fisco.

Anche alcune Commissioni Tributarie di merito ed in particolare la CTP di Reggio Emilia con sentenza del 18 Aprile 2013 hanno ritenuto illegittima la procedura in questione.

Vi è poi da rilevare che viene contestato che  lo strumento realizzato ed utilizzato  per evidenziare dubbi relativi alla correttezza delle dichiarazioni dei redditi fornite dai contribuenti ed alla congruità dei redditi dichiarati,  da solo non è sufficiente a giustificare un accertamento dell’Amministrazione Finanziaria. Per contestare redditi non dichiarati servono anche altre prove a supporto delle valutazioni operate dal Fisco. Come evidenziato dalla sentenza 209/63/2013 della Ctr Lombardia il Redditometro si pone sullo stesso piano degli Studi di Settore, fornendo dei risultati  basati su  presunzioni semplici. Le risultanze dell’ accertamento standardizzato che ne deriva,  come nel caso dei  parametri e degli Studi di Settore deve essere corredato da ulteriori elementi e dati  a sostegno delle presunzioni  dell’Ufficio.

Il redditest

Uno specifico software consente ai contribuenti di valutare la coerenza tra il reddito familiare e le spese sostenute nell’anno. Sul sito www.agenziaentrate.it  è possibile scaricare il  programma elaborativo “Redditest” che  consente, inserendo anonimamente i dati relativi ai  propri consumi familiari,   di conoscere l’ammontare del reddito stimato  dall’Amministrazione Finanziaria con la metodologia del  “Redditometro”.

Il redditest è, quindi,   una autodiagnostica della propria situazione reddituale da attuarsi mediante  il suddetto  software , uno strumento di simulazione che ha costituito un grosso sforzo operativo dell’Agenzia delle Entrate che ha sottoposto ad analisi le abitudini di spesa di oltre venti milioni  di contribuenti al fine di identificare quelle relazioni sintetiche esistenti tra queste e il valore del corrispondente reddito.

Va evidenziato, infine,  che redditometro (procedura di accertamento sintetico) e Redditest (software di autodiagnostica) non vanno confusi né con lo “Spesometro” né con il   “ Riccometro”.

Lo “spesometro” ha  lo scopo di controllare tutti i pagamenti dei contribuenti che superano una certa soglia. Gli intermediari finanziari, in base ad apposite disposizioni normative,  hanno infatti  l’obbligo di divulgare a favore dell’Amministrazione finanziaria tutti i dati delle operazioni Iva effettuate di importo uguale o superiore ai 3600,00 euro,  al fine di incrementare il numero di informazioni utili alla  quantificazione della capacità di spesa dei contribuenti.

Il “riccometro”  serve,  invece,   a misurare le condizioni economiche delle famiglie italiane per  individuare chi realmente ha bisogno di fruire di determinate prestazioni sociali, esenzioni e agevolazioni di vario tipo.  Il Riccometro risponde, pertanto,  all’esigenza  di smascherare  i “finti poveri” che fruiscono senza diritto di prestazioni sociali agevolate, così  riducendo  le possibilità di accedere a tali  prestazioni da parte di  coloro che non hanno un  reale bisogno assistenziale.

 

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.