IRAP, la Cassazione: non dovuta dagli agenti senza dipendenti e strutture

gennaio 30th, 2018 Posted by Articoli, Sindacato 0 thoughts on “IRAP, la Cassazione: non dovuta dagli agenti senza dipendenti e strutture”

Con specifiche sentenze la Corte di Cassazione, di cui la recentissima sentenza n.224 del 8 gennaio 2018 Sezioni Unite, ha ribadito l’annosa controversa questione dell’assoggettamento ad IRAP degli Agenti di Commercio e promotori finanziari. La Cassazione ha infatti specificato che, coloro i quali possono dimostrare di esercitare la propria attività senza un’autonoma organizzazione, non sono tenuti al versamento dell’IRAP.

Gli effetti della nuova interpretazione giurisprudenziale

Le recenti sentenze della Corte di Cassazione producono i seguenti effetti:

  • condizionano la sorte dei contenziosi in essere, in quanto, in assenza di un’autonoma organizzazione, all’agente di commercio / promotore finanziario va riconosciuta la legittimità al non assoggettamento ad IRAP, con conseguente diritto ad ottenere il rimborso di quanto corrisposto;
  • aprono la strada a nuove istanze di rimborso per gli anni pregressi;
  • impongono una valutazione in sede di predisposizione del Mod. IRAP; infatti, se il contribuente è privo di un’autonoma organizzazione, secondo la Cassazione non è assoggettato ad imposta e pertanto non è tenuto né al versamento né alla compilazione della relativa dichiarazione;

Riepilogo dei requisiti

  • Organizzazione: attività di intermediazione svolta direttamente dall’Agente.
  • Beni Strumentali: il “minimo indispensabile”. Tale condizione è individuata nell’assenza di beni strumentali di valore consistente o nella circostanza che la loro presenza sia da ritenersi qualitativamente di minima importanza (es.: autovettura, mobili d’ufficio, la fotocopiatrice, il telefono, il fax, il computer e il materiale di cancelleria).
  • Lavoro di terzi: assenza di dipendenti, collaboratori, sub-agenti, collaboratori a progetto, di lavoro altrui non meramente occasionale.

In quale contesto è maturata questa sentenza

Come noto, l’art. 2, D.Lgs. n. 446/97, stabilisce quale presupposto impositivo dell’IRAP “l’esercizio abituale di un’attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi”. La formulazione generica di tale disposizione normativa ha determinato negli ultimi anni l’insorgenza di diverse controversie tra l’Amministrazione finanziaria ed i contribuenti con la conseguente emanazione di numerose pronunce giurisprudenziali in materia di IRAP.
Si rammenta che in merito all’assoggettamento ad IRAP degli Agenti di Commercio e all’individuazione del requisito dell’autonoma organizzazione l’Agenzia delle Entrate nella Circolare 13.06.2008, n. 45/E tenendo conto delle pronunce giurisprudenziali, ha affermato che l’autonoma organizzazione sussiste quando ricorre almeno uno dei seguenti elementi:

  • impiego di dipendenti e collaboratori non occasionali;
  • utilizzo di “beni strumentali eccedenti, per quantità o valore”, le necessità minime per l’esercizio dell’attività.

Le recenti pronunce delle sezioni unite della Corte di Cassazione

A fronte di  distinti ricorsi proposti dall’Agenzia delle Entrate avverso specifiche sentenze di secondo grado sulla medesima questione dell’assoggettamento o meno ad IRAP dell’attività dell’agente di commercio / promotore finanziario, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con alcune sentenze, hanno innanzitutto affermato che per verificare l’assoggettamento ad IRAP dei soggetti in esame è essenziale individuare se le attività ausiliarie ex art. 2195, C.c. siano qualificabili nell’ambito dell’attività d’impresa o di lavoro autonomo.

La posizione dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate nella citata Circolare n. 45/E ha affermato l’assoggettamento ad IRAP del reddito prodotto dagli agenti di commercio e dai promotori finanziari basandosi su quanto sostenuto dalla Corte di Cassazione nella citata Sentenza n. 7899/2007 secondo la quale il reddito di un agente di commercio, che svolge attività commerciale ex art. 2195 C.c. è qualificabile come reddito d’impresa, con conseguente “automatica” sussistenza del requisito dell’autonoma organizzazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *