LA SINTESI ED IL PROGETTO

3 Luglio 2012 Posted by Articoli, La parola al segretario, Sindacato 0 thoughts on “LA SINTESI ED IL PROGETTO”

di Luigi Doppietto*

La 55esima assemblea nazionale Usarci si è tenuta dal 14 al 16 giugno a Giulianova in provincia Teramo, ed è stata organizzata in modo impeccabile dal sindacato provinciale locale guidato dal vicepresidente nazionale vicario Franco Damiani.
I lavori si sono aperti con la relazione del presidente nazionale Umberto Mirizzi, il quale di fronte ad una platea ampia e numerosa ha affrontato, in modo lucido e dettagliato, la situazione economica del nostro paese, e quindi, di riflesso, anche i mutamenti e le difficoltà oggettive a cui sono sottoposti gli agenti di commercio. Quindi c’è stato il saluto delle autorità e degli ospiti, venuti a portare in gran numero la loro testimonianza alla categoria.
Dopo la parte introduttiva sono iniziati i lavori assembleari, e la parola è passata ai delegati delle sedi provinciali. In questa fase si è registrata l’assenza di alcune federazioni, le quali hanno evitato il confronto pubblico e democratico rimanendo arroccate in una immaginaria Fortezza Bastiani, in attesa di fantomatici nemici che non arriveranno mai.
I lavori sono proseguiti con le relazioni dei vicepresidenti nazionali, in particolar modo quella del vicepresidente nazionale Franco Damiani, il quale ha aggiornato la platea sulla trattativa in corso per il rinnovo degli AEC Industria. Quindi ci sono stati gli interventi dei delegati, tra cui quello del nostro presidente Luciano Falgiano, il quale ha lanciato un’interessante proposta di autofinanziamento per gli agenti di commercio che ne avessero bisogno tramite la nostra cassa di previdenza. Ho costatato però, dopo aver ascoltato le valide proposte ed i fondati ragionamenti dei colleghi, ho avvertito la sgradevole sensazione della mancanza di interlocutori cui sottoporre le nostre istanze e magari qualche suggerimento, visto che nessuno conosce il mondo degli agenti di commercio come lo conosciamo noi dell’Usarci.
E’ proprio così cari colleghi, non ci riconoscono né i politici né i tecnici, come ha sottolineato il presidente nazionale Mirizzi nella sua bella relazione. Nell’immaginario collettivo costituiamo una categoria di persone agiate, con una bella macchina e dei bei vestiti, ma non e così.
L’assemblea è proseguita con le puntigliose relazioni dei responsabili del centro giuridico, Carlo Tabellini, e del centro fiscale, Giovanni Boiti.
Come da tradizione i lavori sono terminati con la relazione del Segretario Nazionale, Antonello Marzolla. Anch’egli si è soffermato a lungo sulla delicata situazione economica e sulla difficoltà incontrata nello svolgimento del nostro lavoro, ma poi ci ha incitato a proseguire e a mettere in cantiere nuove iniziative in difesa della nostra categoria nonostante il momento sfavorevole.
E’ proprio questo ciò di cui abbiamo bisogno. Di progetti validi, anche complessi, quasi dei sogni. E’ così, amici. Come insegna la storia le conquiste più significative hanno avuto alla base un sogno, un’idea che molti ritenevano irrealizzabile, ma che grazie alla testardaggine e alla convinzione di pochi sono divenute una conquista per tutti.

*Segretario Lanarc-Usarci

Tags: ,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.