Quota 100 anche per gli agenti, USARCI: ottimo risultato

3 Settembre 2019 Posted by Articoli, Sindacato 2 thoughts on “Quota 100 anche per gli agenti, USARCI: ottimo risultato”

L’agente commerciale da questo momento può presentare domanda di pensione INPS quota 100 senza dover necessariamente chiudere prima la partita iva e cancellarsi dalla C.I.A.A. Lo ha stabilito l’INPS con circolare n° 117 del 09/08/2019.

In sostanza, al momento dell’ottenimento della pensione, l’agente potrà percepire ancora provvigioni solo ed esclusivamente se tali importi sono attribuibili a vendite effettuate nel periodo antecedente l’ottenimento della pensione quota 100.

Anche le indennità di fine rapporto sono state escluse dal computo ai fini reddituali. L’Inps altresì informa che l’indennizzo percepito dall’agente relativo alla cessazione dell’attività commerciale di cui al D-Lgs. 28 marzo 1996 e ss. mm.ii è escluso dal reddito, pertanto anche chi percepisce tale indennizzo, può chiedere la pensione anticipata Inps quota 100.

La circolare dell’INPS è stata emanata in seguito alle numerose pressioni ed incontri promossi dall’Usarci, proprio perché, secondo il sindacato degli agenti di commercio, la normativa “Quota 100” era di non facile interpretazione e rischiava di discriminare la figura dell’agente di commercio.

I vertici della USARCI hanno espresso grande soddisfazione per il risultato ottenuto.

2 thoughts on “Quota 100 anche per gli agenti, USARCI: ottimo risultato”

  1. Maurizio ha detto:

    Salve invece come si regola il rapporto con enasarco?
    Vale lo stesso principio?

    1. webmaster ha detto:

      La pensione quota 100 prevede, per ciò che riguarda i rappresentanti di commercio, che essi possano mantenere aperte sia la partita IVA sia la posizione alla Camera di Commercio SOLTANTO fino all’incasso delle fatture maturate prima dell’avanzamento della domanda stessa e del pagamento delle indennità di fine rapporto. Una volta esauritasi questa fase l’agente deve NECESSARIAMENTE rinunciare ad entrambe. Ne consegue l’interruzione di qualsiasi rapporto lavorativo e la conseguente estinzione del rapporto con ENASARCO. Per conseguire il trattamento di quiescenza con quest’ultimo ente quindi l’agente dovrà aspettare che si maturino i requisiti previsti dall’attuale regolamento che troverai qui: http://www.enasarco.it/Guida/la_domanda_di_pensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.