Sul diritto dell’agente alle provvigioni maturate dopo la cessazione del rapporto

29 Marzo 2013 Posted by Articoli, L'avvocato risponde 3 thoughts on “Sul diritto dell’agente alle provvigioni maturate dopo la cessazione del rapporto”

di Alessandro Limatola

e Gianluca Stanzione

 

G. StanzioneLIBRO GIUDICEUna interessante oltre che recentissima pronuncia della Suprema Corte di Cassazione Sezione Lavoro (Sent. 16.01.2013 n. 894) ha confermato il principio secondo cui all’agente di commercio siano dovute le provvigioni anche laddove il rapporto con la mandante sia cessato da tempo.

L’agente ha, infatti, diritto alla provvigione per operazioni concluse dopo l’estinzione del contratto di agenzia, nei seguenti casi:

  • se l’operazione è il risultato dell’attività svolta dall’agente;
  • se l’operazione si è conclusa in un termine ragionevole dopo lo scioglimento;
  • se l’ordine è stato ricevuto dal preponente prima dell’estinzione del contratto.

Foto LimatolaMentre il principio secondo cui la provvigione spetta in ogni caso sugli affari le cui proposte siano pervenute al preponente prima della fine del contratto non dà luogo a particolari problemi applicativi, più complessa appare l’applicazione concreta della norma che prevede la provvigione sugli affari trasmessi dopo la fine del rapporto i quali siano però da ricondurre prevalentemente all’attività svolta dal vecchio agente.

Sotto questo profilo svolgono un importante funzione integrativa le disposizioni contenute negli AEC.

Al riguardo, il penultimo comma dell’art. 6 dell’AEC Industria, disciplina la fattispecie delle proposte d’ordine inviate prima della cessazione del rapporto e pervenute alla ditta dopo tale data. Su tali proposte, una volta che l’affare sia concluso ed eseguito, la provvigione spetta all’agente cessato.

L’ultimo comma del medesimo art. 6 prevede che affinché l’agente possa vedersi riconosciuto il diritto alla provvigione sugli affari proposti e conclusi dopo lo scioglimento del rapporto sarà necessario che lo stesso predisponga una relazione indicando dettagliatamente al preponente le trattative in corso ma non definite a causa della cessazione del contratto.

Il diritto alla provvigione verrà, quindi, riconosciuto solo laddove la definizione della trattativa, con la conseguente conclusione del contratto, avvenga nel termine di quattro mesi dalla cessazione del rapporto dopo tale termine nulla è dovuto all’agente. Il meccanismo è comunque derogabile tra le parti.

L’AEC Settore Commercio si limita, invece, a riproporre l’art. 1748 del codice civile e cioè il diritto dell’agente alla provvigione anche per gli affari conclusi dopo la cessazione del contratto per effetto del suo intervento, se la proposta è pervenuta all’agente o al preponente in data antecedente o nel caso in cui gli affari siano conclusi entro un termine ragionevole e la conclusione sia da ricondurre prevalentemente all’attività svolta dall’agente.

Alla luce di quanto innanzi discende quindi che anche a distanza di mesi e/o anni l’agente può vantare e richiedere le provvigioni maturate che ovviamente comportano una rideterminazione dell’indennità meritocratica ex art. 1751 c.c. in primis ovvero, in subordine, di quella suppletiva di clientela, prevista dalla contrattazione collettiva.

Occorre, ovviamente, che la richiesta venga effettuata nel rispetto del termine prescrizionale che è quinquennale nel caso di compensi provvigionali e decennale nelle ipotesi delle indennità di fine rapporto.

Tags: ,

3 thoughts on “Sul diritto dell’agente alle provvigioni maturate dopo la cessazione del rapporto”

  1. Aquilino Marchetti ha detto:

    Buongiorno le pongo un caso molto particolare
    Sono stato disdettato da un’azienda con la risposta. Che inseriranno dei mono mandatari
    Disdetta in tronco
    La cosa strana e che in 3 anni di lavoro abbiamo portato crescite più del 40%
    L’anno scorso con il nostro primo cliente abbiamo stipulato un programma di lavoro e crescita per i prossimi 2 anni, mi toccano le provviggioni su di esso? Sicuramente raggiungerà gli obbiettivi prefissati visto che già da oggi è in linea , anzi supera gli obbiettivi prefissati
    Attendo un suo riscontro

    1. Redazione ha detto:

      In attesa di fornirle una risposta specifica, le consiglio di contattare la USARCI-LANARC, se è residente in Campania, ai recapiti indicati al seguente link: USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

    2. Redazione ha detto:

      In attesa di fornirle maggiori dettagli, le consiglio di contattare la USARCI-LANARC, se è residente in Campania, ai recapiti indicati al seguente link: CONTATTI USARCI-LANARC. In alternativa controlli la sede USARCI a lei più vicina cliccando il seguente link: sedi USARCI. Grazie e a presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.