Posts tagged "spread"

Lavoro, ISTAT: più opportunità e stabilità

11 gennaio 2016 Posted by Articoli, Economia 0 thoughts on “Lavoro, ISTAT: più opportunità e stabilità”

I principali indicatori economici elaborati da ISTAT ci consegnano un quadro economico in sostanziale ripresa

«Prosegue l’evoluzione moderatamente positiva dell’economia italiana, seppur in presenza di andamenti eterogenei tra i settori». Lo sostiene l’Istat nella nota di dicembre 2015. Secondo l’istituto nazione di statistica «segnali favorevoli giungono dalla manifattura, mentre le costruzioni mantengono un’intonazione negativa».

Anche gli altri indicatori economici confermano questa tendenza. Lo spread continua a scendere. Le quotazioni oscillano costantemente intorno ai 100 punti base.

spread a tre mesi

Prosegue la crescita occupazionale, seppur in maniera discontinua. Essa è senza dubbio frutto delle politiche del lavoro varate dal Governo, basate sulla fiscalità di vantaggio per i contratti a tempo interminato. Il Job Act, pur non avendo ancora sanato la piaga della disoccupazione e del lavoro nero, ha contribuito a rendere più stabili migliaia posti di lavoro.

I più recenti dati sulla disoccupazione, relativi a novembre 2015, fanno registrare un abbassamento dell’1,6% (-48 mila); il calo riguarda uomini, donne e le persone con meno di 50 anni. «Il tasso di disoccupazione, in calo da luglio, diminuisce ancora nell’ultimo mese di 0,2 punti percentuali arrivando all’11,3%».

tassodisoccupazione

Intanto il Pil continua a crescere. Secondo le ultime rilevazioni Istat, relative al secondo trimestre del 2015, si attesta allo 0,7%, «in aumento dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dello 0,5% nel confronto con il secondo trimestre del 2014».

pil

Quanto ai prezzi va costatato che «nel mese di dicembre 2015, secondo le stime preliminari, essi sono stazionari (fig. 3). A dicembre l'”inflazione di fondo” scende a +0,6% (da +0,7% del mese precedente); al netto dei soli beni energetici si attesta a +0,7% (da +0,8% di novembre)».

prezzialconsumo

Dunque la lettura dei dati elaborati dall’Istat favorisce una previsione ottimistica sull’economia italiana. In estrema sintesi secondo ISTAT «nonostante la fase di debolezza del commercio mondiale, e il lieve rallentamento della crescita occupazionale in Italia, si prevede una prosecuzione dell’espansione dell’attività economica anche nei prossimi mesi».

Lo spread a 100 punti, (de)merito dei tedeschi

13 ottobre 2015 Posted by Economia 0 thoughts on “Lo spread a 100 punti, (de)merito dei tedeschi”

«L’economia italiana si rafforza». Lo sostiene l’Istat nella nota economica di settembre. Secondo l’istituto di statistica «nella manifattura e nei servizi proseguono i segnali di ripresa mentre anche gli andamenti dei consumi e del mercato del lavoro appaiono favorevoli».

Lo spread è appena sopra i 100 punti, 110 per la precisiospread  ne. E secondo gli economisti scenderà a 90 punti nelle prossime settimane. Questo dato supera le più rosee previsioni, soprattutto se paragonato ai livelli raggiunti dal differenziale tra i BTP italiani e i BUND tedeschi all’inizio del governo Monti.

Ma è ancora presto per cantare vittoria. La discesa dello spread dipende, oltre che una leggera ripresa dell’economia italiana, anche dal rallentamento della locomotiva tedesca, colpita in maniera significativa dallo scandalo diesel gate.pil

Per avere maggiori dettagli circa il livello di prosperità del nostro paese, questa volta conviene far riferimento ai dati Istat relativi al tasso di disoccupazione, perché maggiormente indicativi dello stato di benessere della popolazione.

Ebbene, le più recenti stime dell’Istituto di statistica, relative ad agosto, ci consegnano un tasso di disoccupazione a 11,9% in graduale miglioramento rispetto ai mesi precedenti. Anche i dati diffusi in queste ore dall’INPS fotografano una situazione in miglioramento. Secondo la cassa previdenziale «nei primi otto mesi dell’anno sono stati 790mila i rapporti di lavoro a tempo indeterminato instaurati», soprattutto grazie alla fruizione dell’esonero contributivo.

Intanto il Pil continua a crescere. Secondo le ultime rilevazioni Istat, relative al secondo trimestre del 2015 «il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dello 0,5% nel confronto con il secondo trimestre del 2014».prezzialconsumo

Quanto ai prezzi (fig. 3) va registrato un moderato aumento. Istat rileva che «al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l’inflazione di fondo” sale allo 0,8% (era +0,7% ad agosto); al netto dei soli beni energetici si porta allo 0,9% (da +0,8% del mese precedente)».

Insomma, questa volta tutto lascia sperare in un’evoluzione positiva per l’economia anche nei prossimi mesi. Si tratterà comunque di un moderato miglioramento perché il quadro macroeconomico è comunque influenzato dal rallentamento del commercio mondiale.

 

Economia, i conti tornano

2 aprile 2015 Posted by Articoli, Economia 0 thoughts on “Economia, i conti tornano”

pilSi rafforza la ripresa economica. L’Istat segnala, nella nota mensile del 31 marzo, che «l’indicatore anticipatore dell’economia permane su livelli positivi, supportando l’ipotesi di un miglioramento dell’attività nel primo trimestre», sebbene il mercato del lavoro «presenti ancora segnali contrastanti».

In pratica l’istituto nazionale di statistica prevede un miglioramento del PIL con la pubblicazione delle prossime stime, nonostante la gravità della disoccupazione.

Gli ultimi dati relativi al prodotto interno lordo, si riferiscono al quarto trimestre 2014 (grafico n°1), che sono in linea con lo scorso trimestre, sulla soglia dei -0,5 punti percentuali. Sul medio termine, esso è compreso tra il -0,2% registrato il secondo trimestre dell’anno, ma lontano dal picco negativo di -3,1 punti registrato nel secondo trimestre del 2012.

Lo spread, il differenziale tra i BTP italiani e i BUND tedeschi, cioè uno dei principali indicatori della stabilità economia del Paese, quello che più si adatta a testarne il polso, da oltre un mese è stabile sotto i 120 punti base. Esso è diminuito, gradualmente, di circa 30 punti base da quando si è insediato il Governo Renzi, oltre un anno fa. Per completezza dell’informazione, è opportuno ricordare anche il picco negativo di 550 punti base registrato alla fine del 2011 (foto in basso).

spread-a-tre-mesi

I prezzi rimangono bassi (grafico n° 3). Secondo le stime preliminari di ISTAT l’inflazione acquisita per il 2015 è pari a -0,1% (era -0,2% a febbraio). Siamo dunque ancora in deflazione, ma non molto lontani da una bassa inflazione, che indica un’economia sana.prezzialconsumo

Ha un saldo positivo invece la fiducia dei consumatori. Secondo ISTAT «l‘indice composito del clima di fiducia dei consumatori, espresso in base 2010=100, aumenta a 110,9 da 107,7 di febbraio 2015. Anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane (Iesi, Istat economic sentiment indicator), in base 2010=100, mostra un deciso miglioramento, salendo a 103,0 da 97,5 di febbraio.

Per il clima di fiducia dei consumatori la componente economica aumenta in misura più consistente (a 144,8 da 138,1) rispetto a quella personale, che passa a 99,7 da 98,0.

I giudizi dei consumatori sull’attuale situazione economica del Paese migliorano (-57 da -71 il saldo) e in lieve aumento sono anche le attese future sull’economia (22 da 21). Il saldo dei giudizi sulla dinamica dei prezzi al consumo negli ultimi 12 mesi mostra un leggero miglioramento a -26 da -27 e quello delle attese per i prossimi 12 mesi conferma questa tendenza (a -28 da -33). Migliorano anche le aspettative sulla disoccupazione (a -3 da 10).

tassodisoccupazioneA preoccupare, come anticipato, è ancora una volta il tasso di disoccupazione (grafico n°4), in particolare quella giovanile. A febbraio, secondo i dati diffusi il 31 marzo da ISTAT, esso è tornato al 12,7%, dopo il calo a gennaio al 12,6%, mentre gli occupati sono diminuiti di 44.000 unità rispetto a gennaio. Positivo invece il raffronto con febbraio 2014, periodo d’insediamento del Governo Renzi, con 93.000 occupati in più.

«La contrazione del lavoro si è concentrata tra le donne (-42.000 occupate su gennaio) e i giovani nella fascia tra i 15 e i 24 anni (-34.000 occupati) mentre per gli uomini nel complesso l’occupazione si è mantenuta stabile sul mese ed è aumentata di 95.000 unità su febbraio 2014. E’ certo comunque che la performance dell’occupazione italiana resta tra le peggiori in Ue. A febbraio 2015 nella zona euro il tasso di disoccupazione era all”11,3%, in calo di 0,5 punti rispetto a febbraio 2014. In Italia si registra un tasso del 12,7% in aumento tendenziale di 0,2 punti sull’anno.

Se poi si guardano gli ultimi cinque anni nell’area euro, la disoccupazione è salita di 1,3 punti (dal 10% di febbraio 2010 all’11,3% dell’anno in corso) mentre in Italia il balzo è stato di 4,2 punti (dall’8,5% di febbraio 2010 al 12,7% attuale).

Dati ancora altissimi si sono registrati anche per la disoccupazione giovanile con il 42,6% in cerca di lavoro tra i 15 e i 24 anni (tra coloro che naturalmente sono considerati parte delle forze di lavoro). Il tasso è quasi il doppio di quello giovanile dell’area euro (22,9%) e il secondo più alto in assoluto (dopo il 50,7% della Spagna mentre manca il dato greco)».